fbpx

Naughty Dog: una storia di successo

  • Roberta Ballarino
  • 23 Dicembre 2020

Protagonista della grande notte dei Game Awards 2020 è stato senza ombra di dubbio The Last of Us 2. Il titolo, realizzato da Naughty Dog, si è aggiudicato il riconoscimento più ambito come gioco dell’anno ed ha trionfato anche nelle seguenti categorie:

  • miglior regia;
  • miglior narrativa;
  • miglior design audio;
  • migliore innovazione e accessibilità;
  • miglior action e adventure;
  • migliore performance per Laura Bailey nel ruolo di Abby.

Con alle spalle successi del calibro di Crash Bandicoot, Uncharted e The Last of Us, Naughty Dog è probabilmente tra i team più rinomati dell’industria videoludica.

Ma facciamo un passo indietro.

È il 1984 quando i quattordicenni Jason Rubin ed Andy Gavin fondano JAM Software, realizzando Ski Crazed, il loro primo videogame per Apple II.

Nel 1989 cambiano il nome in Naughty Dog e stipulano un accordo con EA per la produzione del gioco Keef the Thief.

La vera svolta avviene, però, a partire dai primi anni ’90 con l’ideazione dei capitoli di Crash Bandicoot e il debutto sulla console di casa Sony. È l’inizio di una cospicua collaborazione con PlayStation che raggiunge il culmine con il titolo Jak and Daxter e, a partire dal 2007, con la fortunata serie Uncharted, caratterizzata da un particolare focus sui personaggi.

È il 2014 quando Naughty Dog rilascia The Last of Us, il survival action-adventure considerato dalla critica un autentico capolavoro, nonché uno dei migliori videogames di tutti i tempi.

The Last of Us 2 vede la luce il 19 giugno 2020 è ed già un successo senza precedenti: è l’esclusiva per PS4 ad aver venduto più rapidamente con 4 milioni di copie solo nei primi due giorni.

La cura dei dettagli, il perfetto connubio tra gameplay e narrazione, l’ambientazione post pandemia e i due protagonisti, il barbuto Joel e la giovanissima Abby, si rivelano essere la chiave perfetta per un incredibile successo.

Sei curioso di approfondire l’universo del gaming e vorresti acquisire le basi fondamentali per una futura carriera da Game Programmer? Scopri il nostro corso di Web & Game Development.

Nasce TikTok Learn

  • Federica Ghionna
  • 9 Dicembre 2020

Il tentativo di ByteDance di spronare i suoi giovani utenti a imparare materie nuove e a studiare

Conosciuta come piattaforma di puro intrattenimento, TikTok ha deciso di conquistare anche il mondo dell’educazione scolastica, aggiungendo una novità: la scheda Learn.

Dopo aver promosso l’hashtag #LearnOnTikTok nelle scorse settimane, ByteDance ha deciso di creare uno spazio ad hoc per i video tutorial e i consigli di studio. L’idea è quella di legare ulteriormente il suo nome a quello dei teenager attraverso una ricca sezione di tutorial, lezioni e consigli su come approfondire le materie scolastiche.

L’educazione a distanza è uno dei temi caldi dell’ultimo periodo. Infatti, numerose realtà hanno dovuto pensare ad un nuovo modo di fare didattica, le nostre lezioni FAD ne sono un chiaro esempio.

Quindi, dal momento che sempre più persone si rivolgono agli schermi di pc e smartphone durante la pandemia da Covid-19, TikTok allargare la propria offerta. In questo modo spera di conquistare anche la simpatia dei genitori, mostrandosi in una veste nuova che associa divertimento e didattica.