fbpx

Glossario digital marketing: i termini più utilizzati

  • antonio.musumeci
  • 8 Aprile 2020

Il modo migliore per conoscere i principali termini del web marketing è quello di raccontarli in modo pratico e sintetico. Ecco perché abbiamo deciso di condividere con te un glossario che ti permetterà di avere sempre sott’occhio alcune delle definizioni più utilizzate nel mondo del digital marketing.

Inoltre, trattandosi di un settore in continua evoluzione, la lista verrà aggiornata con frequenza.
Quindi ti suggeriamo di venirci a trovare spesso.

Iniziamo.

A/B Testing

Metodo di verifica che prende in considerazione due varianti dello stesso progetto con l’obiettivo di determinare la strategia di marketing migliore e verificare quella che ha ottenuto maggiori conversioni

Advertising

Tipologia di comunicazione a pagamento che viene commissionata per diffondere la propria offerta di idee e di prodotti ed influenzare le scelte del pubblico obiettivo (target) riguardo un dato bene di consumo o modello di comportamento.

Adwords o Google Ads

Con questo termine si intente il servizio online di pubblicità a pagamento offerto da Google. La sua funzionalità è quella di creare annunci sponsorizzati tra i primi risultati di ricerca, infatti appaiono sopra i risultati non a pagamento. Vengono selezionati attraverso un algoritmo che tiene conto delle parole ricercate dall’utente.

Banner

Per banner si intende uno spazio pubblicitario inserito su una pagina web, può contenere un’immagine a striscia o video. È una delle pubblicità più diffuse sul web, in quanto può essere interattivo perché una volta cliccato può raggiungere il sito o la campagna marketing di chi ha pagato.

Brand awareness

Si intende la notorietà della marca ovvero al suo essere famosa e riconoscibile dai clienti.

Brand reputation

La brand reputation è la considerazione, o attenzione benevole, di cui un brand gode in virtù della sua capacità di soddisfare le aspettative del pubblico nel corso del tempo.

Blog

Diario online che può raccontare qualunque tipologie di tematiche, continuamente aggiornabile, corredato in genere degli eventuali commenti (detti post) dei visitatori”.

Bounce rate

Indica la percentuale di persone che abbandonano un sito senza averlo visitato.

Buyer persona

Si intende il ritratto di un utente che incarna un segmento di pubblico di riferimento. Definire le buyer personas è utile e rende più agevoli i lavori di personalizzazione dei contenuti all’interno della strategia.

Call to action

Letteralmente è un invito a compiere un’azione, identificata come messaggio testuale univoco. Ad esempio per compilare un form, acquistare, eseguire un download… Si presenta solitamente con un bottone di un colore diverso, in contrasto in modo tale che sia ben visibile.

ChatBot

E’ un software basato sull’Intelligenza Artificiale, in grado di simulare una conversazione intelligente con l’utente su una chat.

Cookie

Vengono utilizzati dalle applicazioni per tracciare e memorizzare le informazioni riguardanti gli utenti all’interno di un sito web.

CMS

Il CMS è l’acronimo di Content Management System è uno strumento software che ha il compito di gestire i contenuti di un sito come WordPress, Prestashop, Magento.

Crawling

Per crawling s’intende l’attività dello spider ovvero il processo di scansione di un sito web.

Community

Si intende un insieme di persone che si riuniscono in uno spazio online confrontandosi su un determinato argomento.

Digital marketing

Attività di marketing condotta attraverso l’utilizzo degli strumenti e dei canali digitali al fine di creare una comunicazione in grado di aiutare l’impresa a sviluppare e fidelizzare maggiormente la propria base cliente.

E-commerce

S’intende la vendita di prodotti e servizi attraverso l’utilizzo di Internet.

E-mail marketing

Forma di marketing diretto che si serve della posta elettronica per veicolare messaggi, commerciali e non, in modo diretto e personalizzato, al fine di acquisire nuovi clienti o fidelizzare quelli esistenti.

Funnel

Modello di marketing impiegato per descrivere e analizzare il percorso compiuto dal consumatore in tutte le fasi del processo di acquisto, dal momento della consapevolezza dell’esistenza di un certo prodotto, all’acquisto del prodotto medesimo.

Google Analytics

Si tratta di un sistema di tracciamento messo a disposizione da Goolge per raccogliere, misurare e analizzare i dati degli utenti di un suo web, per finalità statistiche o per effettuare marketing mirato. 

Landing pages

Sono pagine che presentano un prodotto o servizio, destinate a ricevere l’utente durante la fase di atterraggio sul proprio sito dopo aver cliccato su un link o banner.

Lead

La lead generation è un’azione di marketing che consente di generare una lista possibile di clienti interessati ai prodotti o servizi di un’azienda. Il cliente ha fornito i suoi dati per essere contattato o stabilire una relazione commerciale con il brand.

Link

Collegamento che può essere rappresentato da un testo, o da un’immagine, che una volta cliccato determina l’accesso del browser a una pagina web.

Mailing list

Si tratta di un sistema che, ricevuto un messaggio E-mail da un utente, lo invia a tutti i componenti registrati di una lista. Così facendo è possibile partecipare a discussioni su vari argomenti.

Newsletter

Messaggio di posta elettronica inviato agli iscritti in una lista per aggiornarli sulle novità di quest’ultimo.

Keywords

Con il termine Keyword o “parola chiave” si intende la parola o le parole che vengono utilizzate dagli utenti nei motori di ricerca per avere le informazioni di cui si ha bisogno.

SEO- Search Engine Optimization

Search Engine Optimization in italiano“Ottimizzazione per i motori di ricerca”, s’intendono tutte le attività volte a migliorare la visibilità di un sito Internet all’interno della SERP (Pagina dei risultati dei motori di ricerca).

Piano editoriale

Documento che raccoglie le informazioni sulla pianificazione di contenuti online, relativi ad un processo di produzione degli stessi.

Remarketing

Attività che permette di raggiungere potenziali clienti che hanno già mostrato interesse verso quel prodotto o servizio.

Tone of voice

Il “tono di voce” che si vuole dare alla comunicazione, in armonia con l’identità di marca; definisce il carattere e la personalità che si vogliono costruire per un prodotto o un brand.

Usability

Grado di facilità e soddisfazione con cui si compie un’azione tra uomo e strumento. È una tecnica utilizzata nella progettazione per valutare un prodotto testandolo sugli utenti.

Sebbene quello che hai appena letto non sia un glossario digitale completo, ma piuttosto un breve glossario di digital marketing (che continueremo aggiornare nel tempo), confidiamo che sia stato utile e che ti abbia fatto venire voglia di saperne di più su questo mondo.

Ecco perché non dovresti perdere l’occasione di entrare nel mondo del lavoro del marketing digitale partecipando al nostro corso di DIGITAL MARKETING & VISUAL COMMUNICATION.

Inoltre se vuoi intraprendere una carriera nel mondo della programmazione, valuta anche l’iscrizione ad uno dei nostri corsi. Scopri ora tutti gli altri corsi!  

Il Golden Circle: l’arte del vendere il perché

Ritorniamo con un nuovo articolo per gli appassionati di marketing!

Se vuoi sapere di cosa si tratta, allora non ti resta che continuare a leggere.

Cos’è il Golden Circle?

Spesso ci chiediamo quale sia il segreto del successo di alcune organizzazioni internazionali, personaggi pubblici o semplicemente di grandi aziende, ma non sempre riusciamo a trovare una risposta.

A svelarci la formula del successo aziendale e personale ci ha pensato Simon Sinek, autore di Start With Why, che ha analizzato le strategie adottate delle grandi compagnie internazionali, codificandole in un modello, ovvero il cosiddetto “cerchio d’oro” (Golden Circle).

Quest’ultimo è infatti, uno schema composto da tre anelli concentrici che esprimono interrogativi differenti.

Il perché (why) costituisce il nucleo attorno al quale si sviluppano il come (how) e il cosa (what).

Partendo dal centro abbiamo quindi la definizione degli obiettivi aziendali (perché un’azienda fa quel che fa, ovvero il why) per poi proseguire con le modalità attraverso cui essa opera (how), per concludere infine con ciò che fa (what).

 

 

 

Il Golden Circle spiegato da Mindbiz

 

Secondo Sinek la maggior parte delle aziende comunica, agisce e pensa dall’esterno verso l’interno, quindi dal “cosa” al “perché”.

Questa tipologia di comunicazione ci fornisce sì delle informazioni tecniche sui prodotti o servizi, ma spesso non ci conduce all’acquisto.

Vi è sempre un qualcosa che fa la differenza, che muove in noi il desiderio di avere quel determinato oggetto.

Secondo lo studioso inglese, nella decisione d’acquisto di un prodotto un ruolo determinante è dettato dai valori che l’azienda veicola, quindi il perché, il nucleo del Golden Circle.

 

“La gente non compra quello che fate, compra il motivo per cui lo fate”

 

 

Il Golden Circle e la scienza

Perché quindi, risulta più efficace un messaggio che parte dal nucleo (perché) verso l’esterno (cosa)?

La risposta, secondo Sinek, risiede dentro di noi, nello specifico nel nostro cervello.

La struttura di quest’ultimo rispecchia perfettamente il modello creato dallo studioso. Il livello cosa (what) corrisponde infatti al neocortex, luogo in cui risiedono il linguaggio, i pensieri razionali ed analitici.

Gli altri due livelli, “come” e “perché” (how e why), rispecchierebbero invece il sistema limbico, sede delle emozioni e regolatore del comportamento umano, ma anche del processo decisionale, che però non ha alcuna capacità di linguaggio.

Una comunicazione dall’esterno verso l’interno, dal cosa al perché, ci permetterebbe sì di raccogliere informazioni ma difficilmente ci porterebbe all’acquisto di un prodotto. Mentre una comunicazione che ha inizio dal nucleo interno del “perché” per giungere al livello del “cosa”, si dimostrerà efficace, dal momento che si partirà dalle emozioni per giungere poi alle informazioni di ciò che concretamente fa l’azienda, quindi ai prodotti o servizi.

Anche le decisioni “di pancia”, quelle effettuate seguendo i propri istinti e sentimenti, nascono proprio nel sistema limbico. Lo sanno bene molte di quelle aziende che, mettendo al centro le emozioni dei propri clienti o futuri tali, hanno costruito il proprio successo, come la Apple.

 

 

Apple e la forza delle emozioni

Se ci facciamo caso, quando osserviamo uno spot dell’Apple, spesso non comprendiamo subito quale il prodotto oggetto della réclame. Veniamo letteralmente “rapiti” dalla storia narrata e dalle emozioni che essa ci suscita.

Un esempio è questo spot realizzato in animazione per il Natale 2018:

 

Come mettere in pratica questo modello?

Adesso che ti abbiamo illustrato di cosa tratta il Golden Circle e come viene utilizzato dalle aziende internazionali, non ti resta che approfondire questo e tanti altri argomenti.

Siamo riusciti ad appassionarti?

Allora unisciti a noi, informandoti sul corso in Digital Marketing & Visual Communication.

Ti aspettiamo alla Steve Jobs Academy!